venerdì 17 aprile 2015

sono cotta, meno male che ho i capelli

E tutti a lamentarsi che Matilde non mettesse i denti... ma che fretta c'era?
Lei deve aver intuito che probabilmente si trattava di una fregatura, così ha rimandato finchè ha potuto. Infine, a 10 mesi e mezzo ha iniziato a sbavare come una lumaca e a masticare qualsiasi cosa le arrivasse a tiro. Ed ecco il primo piccolo chicchino di riso (in alto a sinistra tipo Dracula) e addio alle belle notti di nanna!
Certo, è sempre una fata, perciò non piange, però è smaniosa, si lamenta, mi chiama, vuole abbracciarmi, agganciarsi ai miei capelli (proprio come faceva Elia), tenermi fisicamente vicina... ed è tutto molto dolce, ma io mi ritrovo ad alzarmi 4-5 volte per notte oppure nel lettone, con lei allacciata, improbabilmente addormentata in pose scomodissime, con metà del corpo anchilosato.
E' un mese che non dormo più. Ho un sonno tremendo. Perdo colpi: sembro una vecchia, dimentico gli appuntamenti, scambio i giorni, perdo la pazienza quando non dovrei e, forse perchè rallentata, non trovo 5' di tempo per fare nulla.
Il babbo è parecchio simpatico, ma quando i bimbi stanno male vogliono la mamma, 24 ore su 24. Ma io non ce le ho 24 ore! Devo andare a lavoro, correggere valanghe di compiti, frequentare i corsi pomeridiani del malefico "anno di prova", stare accanto ai miei ragazzi...
così, i primi a partire sono gli hobby.
Niente pittura (ho un quadro sul cavalletto da 2 mesi, l'avevo incautamente iniziato, ignara dei giorni a venire, mi si sono seccari i colori... argh!).
Niente scrittura (niente blog, magari per qualcuno è un sollievo).
Niente organizzazione del viaggio estivo (disastro totale).
Niente giardinaggio (quest'anno optiamo per un'allestimento stile giungla, senza potature o taglio dell'erba...).
Per farvi pena, potrei aggiungere: niente shopping o niente cura della casa, ma sarei proprio paraculo perchè non mi pare il vero!
Ecco, mi sono messa a scrivere perchè stava riposando, ma ha iniziato a mugolare, adesso sto cercando di digitare la tastiera con lei addormentata sul braccio destro, non lo sento più e mi si sta informicolando la gamba sinistra...
ok, lo so che nessuna persona al mondo è in una posizione migliore della mia!
Se sopravvivo senza andar dritta in un muro per un colpo di sonno, questo periodo passerà. Passerà, non tornerà più e sarà un gran peccato. Negli anni ho ripensato tante volte alle notti insonni passate con Elia. Che dolcezza infinita. E che orgoglio poter pensare di essere l'unica medicina capace di consolare il proprio bambino, solo con la mia vicinanza e con i miei capelli (che evidentemente sono più magici di quelli di Rapunzel!).
La vita è una gran fatica in ogni caso. Sono felice d'essere stanca per amore.

lalla


Theo ci ha fotografate col cellulare appena crollate durante una delle 3 notti passate nella bellissima Roma (perchè è vero che il viaggio estivo latita, ma ci sono in ponte un sacco di piccole fughe primaverili, che il potere dei capelli sia con noi!)

P.S. prima del prossimo ciclo lunare, vorrei aggiornare il blog con alcuni post che ho scritto durante questi mesi (nella mia testa) magari guidando o sotto la doccia, tempo ne ho poco, ma idee sceme che mi frullano nella mente parecchie, vediamo se ce la fo...


Nessun commento:

Posta un commento