venerdì 3 luglio 2015

sono in letargo fuori stagione

Ultimamente, non so perchè, giro all'80%.
Anzi, forse lo so perchè, però mi sta fatica ammetterlo... ho allentato la corda, sono di nuovo in sovrappeso così il fegato è un po' stanco, e anch'io.
Che vergogna ridursi il giorno prima ad organizzare il pre-compleanno del piccolo Re! E non aver fissato niente di niente per il viaggio estivo??? Mancano due settimane... praticamente 5'... che brutto ritrovarsi senza una meta!
Non è che non faccia proprio niente, per carità: prima di tutto sto con i bimbi, in secondo luogo porto infondo le solite faccende domestiche fatte male (cronicamente in ritardo su lavatrici e spesa), infilandoci alcuni eventi una tantum, tipo sostenere con soddisfazione il colloquio finale per confermare l'anno di prova e la mia assunzione (avevo scritto un mattone di circa 70 pagine, il Preside poverino l'ha letto e gli è pure piaciuto un sacco!). Una settimana prima ho valutato tutti i miei ragazzi, in duplice sessione (la prima volta scioperando) quindi ho impacchettato mezza casa in valigia per migrare in Costa Azzurra 6gg (Theo per lavoro, noi a zonzo). Ho perfino trovato il tempo per dare suggerimenti utili ai miei ex-alunni del liceo scientifico che affrontavano la maturità, ogni tanto pastrocchio col fimo...
eppure c'è qualcosa che non mi convince, mi manca la scintilla, l'energia.
Fegato a parte, penso di aver corso molto quest'anno e di aver sofferto molti sensi di colpa.
Ho spedito Matilde al nido a 6 mesi, l'ho condannata ad un anno di malattie sempre più lunghe e ravvicinate, per chiudere in primavera con la sequenza otite da ricovero ospedaliero, bronchite da antibiotici/cortisone e malattia sconosciuta con eruzione tipo morbillo/febbre/ghiandole ingrossate/diarrea (forse mononucleosi) e chi più ne ha più ne metta!
Per sollevarmi almeno dai sensi di colpa con i miei studenti, ho dato il massimo cercando di non fare assenze (ho preso solo 3gg di malattia del figlio perchè avevo la febbre anch'io, le altre volte l'ho lasciata con una bambinaia). L'ho abbandonata dolorante. Probabilmente è normale e lo fanno tutte le mamme che lavorano, però a me non è garbato per niente.
Adesso sono a casa con i miei piccoli, finalmente, e me li godo.
Il Re si annoia facilmente, così cerco di organizzargli dei diversivi culturalmente vari (dai bronzi dell'ellenismo, ai giochi d'acqua, ai filmoni con gli effetti speciali), invito i suoi amici o ciondoliamo verso un gelato. Matilde è marsupialmente attaccata a me, notte e giorno. La sa lunga, ma fa la gnorri, dice solo "tette" (che sarebbe Elia), per il resto si esprime a ultrasuoni come le sirene o pronuncia una roba tipo "cacca" che va bene per Mamma/Babbo/Acqua. Potrebbe continuare a chiamarci così in eterno, noi pendiamo tutti dalle sue labbra. Non sapete che gioia assistere ai suoi primi passi qualche giorno fa! La verità è che mi sono adagiata sui loro ritmi e ho perso interesse per tutta la parte organizzativa che di solito mi compete. Il dolce far niente, in squisita compagnia.
Bisogna che mi riprenda però, non possiamo languire tutta l'estate...
prima di tutto domani festona di 2gg con buffet, musica, giochi, bambini accampati per la notte, colazione e giochi d'acqua (i sopravvissuti li passeranno a ritirare domenica)!
E da lunedì, lastminute organizzativo per fare un bel viaggio.
Magari finisco anche il mio Luke che ho iniziato 4 mesi fa... segui la forza lalla, non sei solo una chioccia, mettiti a dieta e datti una mossa!

lalla 
 "Luke", particolare in lavorazione.

Nessun commento:

Posta un commento