sabato 20 maggio 2017

alle donne pantocrate

Ci sono alcune cose di cui vorrei parlare e probabilmente non sono argomenti facili o che garbano a parecchi, ma siccome queste pagine sono mie, sarà il caso che le usi come più mi piace.

Sono cresciuta in campagna, in una casa isolata, non sono andata all’asilo e vorrei aggiungere “meno male” perché mi conosco e so che ci sarei andata a capo chino se mi ci avessero accompagnato, perché sono ubbidiente e mite, ma non avrei voluto andarci. La mia mamma dice sempre “dei miei quattro figli tu sei stata la più facile, non dovevo neanche tenerti, ti tenevi da sola, per ore e ore, eri una bambina semplicissima”. Probabilmente ero tutto fuorché semplice, al giorno d’oggi mi spedirebbero dritta dal neuropsichiatra infantile, ma erano tempi diversi, se mangiavi abbastanza e dormivi era tutto O.K.. La mia mamma non si faceva troppe domande su cosa fosse “giusto” o “sbagliato” per un “corretto sviluppo mentale”, molto più democraticamente lasciava scegliere me e vorrei aggiungere ancora “meno male” perché me la sono cavata proprio bene. Disegnavo tantissimo e parlavo di continuo, inventavo lunghissime storie e le raccontavo anche alle Barbie, ai gatti, al vento...
Sono cresciuta in una famiglia numerosa, composta quasi interamente di donne. Qualche uomo c’era, è vero, ma li percepivo un po’ come un contorno e forse è per questo che disegnavo (e continuo a disegnare) praticamente solo donne. In verità donne quasi sempre nude. Il corpo femminile è bellissimo, è pieno di simboli e storie. Vogliamo fare gli psicologi della domenica e dire che infondo sono un po’ lesbica? Vabbè, ci sta.
Ho passato il 90% delle ricreazioni delle elementari seduta al mio banco da sola a disegnare. Gli altri compagni correvano in cortile e io me ne stavo lì, da sola. Neanche a scuola c’era l’attenzione che c’è adesso verso i vari disagi esistenziali, di nuovo “meno male” perché altrimenti qualche adulto sarebbe stato lì a guardarmi fisso (disturbandomi parecchio) oppure sarebbe venuto a prendermi per una mano per portarmi (gentilmente) in cortile e io in cortile ci sarei andata col solito capo chino, ma in realtà non avrei voluto andarci. Io volevo stare lì dov’ero, da sola (e in compagnia di tutto il mondo che potevo creare), costretta in un banco (eppure molto più libera dei miei compagni in giardino). La libertà è uno stato mentale, non fisico. Io, che sono sempre stata mite, sono
forse sembrata remissiva (ad alcuni, sottomessa), in verità non lo sono mai stata. Ho avuto sempre la forza di lottare per la mia libertà e scegliere il mio posto. Sono sempre stata dove volevo stare.
In classe, alle elementari, non avrei voluto starci, a capo chino ci stavo, ma non avrei voluto. Non so se questo dipendesse dal fatto che mi obbligavano a “uniformarmi”, che pretendevano di impormi cosa fosse “giusto” o “sbagliato” o se invece dipendesse dal fatto che avevo delle difficoltà nella letto-scrittura, oppure avevo delle difficoltà nella letto-scrittura perché mi rifiutavo di imparare, non lo so, sta di fatto che in quel posto non avrei voluto starci ed è per questo che appena suonava la ricreazione partivo per un altro mondo; ed è per questo che penso per l'ennesima volta “meno male” che mi hanno concesso di poterlo fare o senza quella pausa sarei uscita di sentimento.
Al giorno d’oggi mi avrebbero certificato DSA, avrebbero cercato di “compensarmi” e "dispensarmi", probabilmente avrei faticato di meno per combattere le mie difficoltà di apprendimento, ma non so se questo mi avrebbe aiutato a lungo termine... forse avrei tirato i remi in barca. Alle medie mi è scattato qualcosa, ho deciso di non voler più stare infondo alla fila, ho cambiato marcia, da sola e con le mie sole forze, ho raggiunto la cima in un soffio e poi ho fatto il vuoto alle mie spalle. A quetso proposito davvero non saprei dire se è stato “meno male” così. Sarei stata capace di fare altrettanto se fin dall’inizio della mia carriera scolastica mi avessero compreso e aiutato? Avrei fatto pure meglio? Di questo argomento ne parlerò un’altra volta.
Torniamo alle donne. Ho sempre guardato dentro di me, che sono una donna, e ho sempre guardato fuori di me le tante donne che mi circondavano (e tutti gli uomini di contorno), perciò io un‘idea generale su questo argomento me la sono fatta.
Quando ne parlo spesso mi viene detto “te sei femminista” in quel modo accusatorio, manco fosse un’offesa. E anche se fosse? Cos’è: un reato? Io credo di non esserlo abbastanza, nel senso che non sono militante e invece dovrei. Tutte noi dovremmo militare.

Adesso penserete che si tratta di una questione personale, che io sia diventata femminista dopo essere stata mollata e invece no, sono sempre stata parecchio “sul piede di guerra” riguardo all’argomento. Come dicevo, non sono la persona remissiva che potrei sembrare, ho scelto in coscienza di essere moglie e madre perché quello era il posto dove volevo stare. Parità di diritti non significa “essere come un uomo”(io sono donna, fiera di esserlo), significa invece essere libere di seguire la propria natura.
Il problema è che, nella storia dell'uomo (e non a caso si dice così), nessuna donna lo è stata mai.
Riflettiamo su questo: quante pittrici ci sono sui libri di testo? E quante scrittrici? E musiciste? E scienziate? Ebbene, ci rendiamo conto che per millenni gli uomini hanno proibito alle donne di imparare perfino a leggere, che le hanno relegate nel ruolo di puttane/fattrici/nutrici/cuoche/serve? Che hanno privato l’umanità intera (e quindi anche loro stessi) di tutto l’apporto che metà del genere umano avrebbe potuto darle? “La creatività e il genio sono maschili”… Se penso a quante menti sono state spezzate, a quanto talento è stato sprecato... oltre che terribilmente ingiusto, è sconcertante. E l’hanno fatto senza provare neanche un rimorso. Tutto pur di impedire alle donne di esprimersi e di essere libere. La cosa più triste è che nel tempo sono riusciti a costruire nella testa delle donne tutta une serie di schemi e barriere, le hanno convinte di non essere complete senza un compagno, di non essere in grado di badare a loro stesse, “le donne non sono razionali, sono in preda agli ormoni, hanno bisogno di protezione”, insomma le hanno convinte di quale fosse il loro posto, ce le hanno costrette e contemporaneamente le hanno ingannate facendogli credere che è lì che volevano stare. Le hanno manipolate al punto che loro stesse sono diventate le peggiori aguzzine del proprio genere, sempre pronte a giudicare le “malafemmine”, a braccetto col proprio carnefice, convinte di sapere quale fosse il modo “giusto” o “sbagliato” di comportarsi.
Nel medioevo hanno sterminato sul rogo quelle poveracce che cercavano di deragliare dal loro perfetto disegno di oppressione. E non è finita, lo fanno anche adesso, in Italia muore una donna ogni 3 giorni uccisa da un uomo (colui che aveva giurato di amarla e proteggerla) solo perché la strega si è rifiutata di aderire al suddetto schema. Ci usano e ci distruggono come fossimo oggetti, come se non ci ritenessero capaci di pensieri autonomi o sentimenti, come fossimo cose di loro proprietà, come se non avessimo diritto di vivere come meglio crediamo. Perché ci odiano così tanto? Che cazzo gli abbiamo fatto di così brutto a parte metterli al mondo?!
Ecco, io penso che sia proprio questo il punto: sono gelosi. Lo sono sempre stati. Altro che invidia del pene da parte delle donne! Ma quando mai? Sono loro a invidiare il nostro utero!
Per cercare di far pari, si sono perfino inventati un Dio maschio e barbuto che genera in una sola settimana l’intero Universo quando gli unici esseri in grado di generarne un altro, di crearlo cellula dopo cellula e di strapparselo dalle viscere per scaraventarlo insanguinato su questa terra, sono femmine.

In tutto questo, guardando indietro nella storia, è anche molto scoraggiante che non si siano verificati movimenti politici o cortei di uomini che chiedessero maggiori diritti per le loro madri, per le loro compagne, per le loro figlie. Un minimo di amore e riconoscenza, no? Fosse per loro saremmo sempre chiuse in casa e manco ci farebbero votare! E’ terribile. Come madre di un maschio devo sperare di poter spezzare questa catena di anaffettività e il mio Re dei Sugolini mi fa ben sperare. A entrambi i miei figli non voglio insegnare che “siamo tutti uguali” perché è una cazzata, non lo siamo. Voglio insegnargli che ogni persona, uomo, donna o una via di mezzo che sia, ha diritto di scegliersi il proprio posto e che, per quanto agli altri possa sembrare strano, non è mai “cosa buona e giusta” allungare una mano (dolcemente) e tirarla via per portala in un altro posto. Che magari a qualcuno, lì per lì, potrebbe sembrare più giusto per quella persona il nuovo posto (o più comodo crederlo) e lei magari a capo chino ci andrebbe pure (perché è più debole o remissiva) ma non va bene neanche per idea: non è lì che vuole stare!
Che un giorno tutti i figli del mondo possano scegliere il proprio posto e abitarlo con dignità.

lalla


"Pantocrata", olio su retro di cornice in masonite, 50 x70 cm.
P.S. Non so se sono riuscita a renderle giustizia, comunque questa è Laura, l’ho scelta come modella per vari motivi. Primo, perché è di una bellezza esagerata, non ha nemmeno 15 anni, ma per strada si girano tutti. Ha un volto strano e magnetico, la pelle di ceramica, 2km di gambe e un seno enorme. All’inizio pensavo al fondo oro degli absidi paleocristiani ma non ne ha avuto bisogno perché lei l’oro ce l’ha nei capelli, quello scuro e un po’ rossastro dei gioielli antichi.
Secondo, perché come il Creatore crea: è una scrittrice e spero che coltivi per sempre questo dono. Terzo, perché per citare la divina posa mi ci voleva una donna più “incazzuta” di me (l'Onnipotente, si sa, ha un caratteraccio e se gli girano potrebbe sempre scagliarci contro una piaga d’Egitto), lei è proprio così, con quel braccio alzato non si sa bene se stia per benedirci o mandarci tutti sonoramente affanculo. Può passare ore immobile a leggere, nel posto che lei si è scelta, muovendosi con una flemma incredibile, come una leonessa dormiente, per poi rivoltarsi all'improvviso come una belva inferocita contro chiunque tenti di spostarla. E’ come se dentro, sommersa da un manto di calma cerebrale, trattenesse una palla di energia enorme che ogni tanto scappa e divampa. Col tempo, io credo, potrà imparare a convogliarla dove vorrà. Ebbene, questo quadro è un augurio, che possa sentirsi pantocrata (completa). Che riesca a gestire tutte le spaventose ricchezze che possiede senza perdere la testa, semmai facendola perdere a qualche fortunato.

5 commenti:

  1. Femminista da sempre e per tutta la vita. Non mollo. Non abbasso la guardia. Si può sempre andare oltre il limite che ci siamo costruite e dove ci provano a trattenere. A Laura hai reso giustizia, si. L'ho riconosciuta subito ed anche se la conosco poco, per mia sfortuna, ho sempre pensato che ha un potenziale enorme. È una vera artista. Baci. Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, sono qui non solo per testimoniare, ma anche per incoraggiare le persone che affrontano problemi coniugali o di relazione. Sui meravigliosi lavori del dottor Ogundu, email: drogunduspellcaster@gmail.com mi sono persa in amore con mio marito, finché una signora non lo ha tolto lontano da me. Poi ho gridato al mio amico e lei mi ha parlato di come ha affrontato un problema simile e ha dato a questo grande uomo contatto a me e ho fornito tutti gli elementi necessari per l'incantesimo e ora sono felice di nuovo in amore con la mia famiglia. Ti impiego per contattare questo uomo. La tua storia o il dolore cambieranno in pochi giorni e ti sorriderò come me oggi. Ancora una volta sono grato. Contattalo nella sua email via: drogunduspellcaster@gmail.com se hai di fronte a qualsiasi forma di problema
      1. Ottenere il tuo amante o marito indietro
      2. Incantesimo della lotteria / Incantesimo di buona fortuna
      3. Se volete fermare il tuo divorzio
      4. Incantesimi di matrimonio
      5. Ottenere un incantesimo di lavoro
      6. Incantesimi di promozione
      7. Ottieni i tuoi soldi indietro.
      8. incantesimi della gravidanza
      9. Incantesimo d'amore
      10. Se vuoi soddisfare il tuo partner
      11. Incantesimo banishing

      Elimina
    2. Ciao, sono Theresa Williams. Dopo anni di rapporti con Anderson, mi ha interrotto, ho fatto tutto il possibile per riportarlo indietro, ma tutto era inutile, lo volevo tornare così a causa dell'amore che ho per lui, Gli ho pregato con tutto, ho fatto delle promesse ma lui ha rifiutato. Ho spiegato il mio problema al mio amico e lei ha suggerito che dovrei piuttosto contattare un incantesimo che potrebbe aiutarmi a lanciare un incantesimo per riportarlo indietro ma sono il tipo che non credeva mai in magia, non avevo altra scelta che provarlo Inviò il cinguettino e mi disse che non c'era nessun problema che tutto andrà bene prima di tre giorni, che il mio ex tornerà da me prima di tre giorni, lancia l'incantesimo e, sorprendentemente, nel secondo giorno, era alle 16.00. Il mio ex mi ha chiamato, sono stato così sorpreso, ho risposto alla chiamata e tutto quello che ha detto era che lui era così dispiaciuto per tutto quello che è accaduto che voleva tornare a lui, che mi ama tanto. Sono stato così felice e sono andato a lui che è stato come abbiamo iniziato a vivere insieme felicemente felicemente. Da allora, ho promesso che chiunque conosco che abbia un problema di relazione, sarei d'aiuto a tale persona, facendogli riferimento a lui o lei all'unico vero e potente cronometro che mi ha aiutato con il mio problema. Email: drogunduspellcaster@gmail.com potrai inviarlo via email se hai bisogno della sua assistenza nel tuo rapporto o in qualsiasi altro caso.

      1) Incantesimi d'amore
      2) Incantesimi Lost Love
      3) Divorzio Incantesimi
      4) Incantesimi di matrimonio
      5) Incantesimo legante.
      6) Incantesimi di rottura
      7) Sfilare un Amato passato
      8.) Vuoi essere promosso nel tuo ufficio / Lotteria incantesimo
      9) vogliono soddisfare il tuo amante
      Contattare questo grande uomo se hai problemi per una soluzione duratura
      Tramite drogunduspellcaster@gmail.com

      Elimina
  2. Grazie Paola, sei molto cara. Laura è una forza della natura! Un bacio

    RispondiElimina
  3. Help on How to Get Your Ex wife/husband Back..
    My wife and I have been married for 7 years on November 11th. She recently told me she wasn't in love with me that she loved me more like a friend. She said she wants a divorce that she has been unhappy for a year now. I've been not so good as far as making promises and not keeping them but I have been trying to change and it doesn't seem to work. I love my wife to death and I took my vowels very seriously. I asked her to go to marriage counciling and she said no.we have 4 kids. We agreed to a 2 month break and try to work things out after that. Some of the problems we face are not having our own place to live and may be debt pile up. I really want things to work. The hurt that I feel is killing me and I’m to the point where I don’t eat and rarely drink anything.one day i was online and there was one particular testimony I saw, it was about a woman called Silvia Soulez ,she testified about how Dr .Goodluck brought back her Ex lover in less than 17 hours and at the end of her testimony she drop Dr .Goodluck e-mail address. After reading all these,I decided to give Dr .Goodluck a try. I contacted him via email and explained my problems to him. In just the space of 17hours, my wife came back to me. We solved our issues, and we are even happier than before. Dr .Goodluck is really a talented and gifted man and i will not stop publishing him because he is a wonderful man…If you have a problem and you are looking for a real and genuine spell caster to solve that problem for you. Try the great Dr .Goodluck today, he will be the answer to your problems. Here’s his contact:
    Email him at: goodluck05spellcaster@gmail.com ,
    Call him or add him on whats-app: +2348138654465
    Or on His website: http://goodluck05spellcaster.yolasite.com
    Tom Irwin, Manchester, United Kingdom

    RispondiElimina