venerdì 2 ottobre 2009

non lo faccio più

Da qualche tempo il Re dei Sugolini ha imparato che può cavarsela dopo una qualsiasi marachella pronunciando, con lo sguardo sinceramente pentito e la vocina tremula, la semplice frase:
"non lo faccio più".
Ovviamente il Re dei Sugolini sta mentendo e rifarà 1000 volte le sue marachelle, ma ugualmente io mi intenerisco e lui la passa liscia...
Allora vediamo se funziona anche per me e se mi perdonate questo quadro.
Era nato nella mia testolina bacata come un omaggio ai tanti nudi della scultura classica che sono giunti nel nostro immaginario mozzi, privi di una parte, ma non del loro fascino.
Una specie di Afrodite moderna e decadente.
Poi la drammatica scelta: far emergere il modellato dal fondo nero (Caravaggio insegna).
Il risultato è terribilmente strano, un po' funereo...
Chiunque sia ben lungi dall'essere Caravaggio come me, dovrebbe evitare per sempre il nero!
Quindi lo prometto, con lo sgurado sinceramente pentito e la vocina tremula:
non lo faccio più.

lalla


"Afrodite con ortensie", olio su masonite, 43x62 c.

2 commenti:

  1. Ecco, profe, faccia come il Re dei Sugolini: prometta di non rifarlo, ma lo rifaccia, perchè è stupendo!!!!!! Uno dei migliori tra quelli che ho visto!

    Lo so che è dovuto anche al tipo di tecnica... però ha davvero un impatto mozzafiato, e poi è incredibilmente suggestivo!
    Sarò un'ignorante in campo artistico, ma secondo me questo dà le paste a Caravaggio!!!!!!!

    Giulia

    RispondiElimina
  2. Giulia, ti posso noleggiare per quando sono giù di morale?
    Grazie mille!

    P.S. Caravaggio era un genio, lasciamolo riposare in pace.

    RispondiElimina