lunedì 18 settembre 2017

dimenticatevi di me

Stanotte non dormo, stanotte piango.
Non mi piace piangere, mi piace dormire perciò per favore, io ve lo chiedo seriamente: dimenticatevi di me, dimenticatevi di noi, non mi chiedete più “Adesso con lui va meglio?” “Con i bambini è bravo, no?” “Elia l’ha presa bene?”. Non mi chiedete più niente perché altrimenti io vi risponderò e comincerò a vomitarvi addosso tutto quello schifo tremendo che c’ho in mezzo alla gola (cazzo, non ce la fo ancora a stare zitta e fare un semplice sorriso di cortesia!). Non è vero che fa bene sfogarsi, non più, perché voi tutti siete sordi e ciechi. Non è colpa vostra, ma basta, dimenticatevi di me. Continuate a pensate quello che vi piace pensare, che lui sia la persona più empatica e profonda del mondo e il padre dell’anno, fatelo, ma non chiedetemi più niente. Mi fa male parlarne, io voglio pensare ad altro, io voglio parlare di quanto sono speciali i miei bimbi, dei viaggi, dell’arte, dell’insegnamento, io voglio parlare di cose belle. Voi cercherete di dirmi la cosa giusta e invece mi ferirete perché la cosa giusta da dire non esiste. Voi mi farete piangere, ma io non voglio più piangere, io voglio dormire. Quanto vi piacciono i lieto fine, mi fate queste domande perché vorreste tanto sentirvi rispondere che ormai il dolore è passato, che l’ho capito, che l’ho perdonato, che son cose che capitano, che ci vogliamo sempre un mondo di bene nonostante tutto e che gestiamo i figli in armonia, ma io questo non ve lo posso dire. Chiedetelo a lui, vi dirà tutto quello che volete sentirvi dire, ma a me no, lasciatemi in pace, lasciatemi dormire, io ho il bisogno (e il diritto) di dormire.
Ieri mi è stato pure detto “Tu sei stata la sua musa ispiratrice” ed era un complimento, io lo so che era un complimento, ma niente, mi fa star male anche questo. Perché è vero, ha preso tantissimo da me, tutto quello che ha voluto (mi sarei ammazzata per lui), ma non è bello ricordare questo, non è giusto. Io non volevo essere la musa di nessuno, io volevo essere amata. Invece lui mi ha succhiato via tutto. Allora se l’amore deve essere questo mostro che usa e abusa, io preferisco stare da sola, preferisco essere la musa di me stessa.
Lo sapete cos’è che fa stare ancora più male una persona abusata? Non essere creduta.
Non mi è rimasto nessuno, tranne la mia mamma e la mia sorella grande (ma quelle non contano, giusto?) e due amiche che comunque col tempo, forse dovrò lasciare andare, perché è giusto così, che possano staccarsi da me e seguire i propri uomini (compagni di merenda del suddetto) nella serenità del “volemosi tutti bene”.
Le persone abusate avrebbero bisogno di essere riconosciute per quello che sono, delle vittime.
Avrebbero bisogno di essere circondate da persone simpatiche, cioè che, letteralmente, “patiscono insieme”, quindi che “sentono insieme”, che provano sentimenti in sintonia con i loro. Ma non esistono persone così, gli altri non hanno subito alcun abuso (o almeno credono di non averlo subito), l’unica a riconoscere il proprio carnefice è la vittima.
Le persone abusate avrebbero bisogno (io credo, avrebbero diritto) a un po’ di giustizia, ma la giustizia non esiste. Voi non siete giusti perché è troppo difficile esserlo, perché prendere posizione è doloroso e scomodo. Oppure perché non ci capite nulla da fuori e avete ragione, non è facile (io non ci capivo nulla manco da dentro).
Lo sapete cos’è la violenza psicologica? Non fa meno male di quella fisica. Non lascia lividi all’esterno (non si fa vedere), ma li lascia dentro ed è ancora più difficile levarseli di dosso. Se mi avesse picchiato sarebbe stato diverso? Io non credo, io penso che non mi avreste creduto lo stesso.
Perché lui sa quale faccia mostrare, perché lui è affascinante, perché lui è furbo, perché lui è piacevole, perché fin dall’inizio è andato in giro a dire le cose giuste (quelle che a voi piace sentirvi dire): che moglie meravigliosa ero, che matrimonio fantastico avevamo avuto, il bene infinito che vuole ai figli, il bene infinito che mi ha sempre voluto e mi vuole, che addirittura ha fatto le sue scelte per il nostro bene e che mi augura solo il meglio…
le ha scritte anche a me tutte queste stronzate (sulla chat che dovrebbe servire solo a gestire gli orari con i figli), tra una crudeltà e l’altra (per farmi soffrire), tra una minaccia e l’altra (per farmi paura), tra un giochino psicologico e l’altro (per farmi sentire in colpa), tra un tentativo di manipolazione e l’altro (per dominarmi). Ormai faccio finta di non sentirlo, tiro dritto, poi ogni tanto mi capita ancora di mandarlo affanculo (porca vacca, non ce la fo a trattenermi). E allora non sapete quanto ci gode a compatirmi. “Sei una povera bambina ferita, non crescerai mai”, “Mi dispiace che tu sia divorata dalla rabbia, da questi sentimenti così negativi. Io invece sono in pace e vivo nell’amore”.
Anche leggendo questo post godrà tanto, si sentirà importante, si sentirà potente. Crederà di potermi dominare e sottomettere ancora, ma si sbaglia, non è così, è solo che io ormai so chi è (mi fa schifo), e tutti gli altri no.
Vi sembro vittimista e paranoica, avrei bisogno di curarmi, giusto? Bè, lui me lo dice da due anni. L’avrà detto anche a voi, no? Gli avete creduto su tutto perciò crederete anche a questo.
Lui è amabile, lui ama tutti e tutti lo amano, lui ha trovato la serenità eterna e ha capito l’universo mondo, lui è profondo, lui da solo amore e solo amore riceve… minchia, sembra Gandhi.
Ma come cazzo fate tutti a bervi questa roba? Non sentire sotto pelle una sensazione di falsità? Non vi stridono un po’ tutti questi discorsi da santone con il degrado dei fatti? Non vi è passato per la testa il sospetto che gli si sia intorcinato il cervello e che continui ad intorcinarglisi ogni giorno di più nel tentativo di trovare continue ed elevate giustificazioni ai suoi banalissimi e squallidissimi comportamenti? Non potrebbe essere, molto più semplicemente, che il suo ego immenso non gli permetta di ammettere di essere una persona normale (direi banale) e perciò fallibile, non un semidio, di aver fatto uno sbaglio a sposarsi (magari pure in buonafede, guarda, voglio essere clemente), di essersi illuso di poter mantenere una promessa che implicasse il “prendersi cura di qualcuno” e quindi essere capace di dare (oltre che prendere), ma che proprio no, non c’era tagliato. E invece niente, lui vi racconta (e si racconta) la sua bella favola dell’illuminazione e tutti voi gli credete.
Oppure no, non gli credete e non lo approvate, magari vi sembra un simpatico cazzone (pure un po’ ganzo, dai) e vi fa sorridere con i suoi discorsi da prete (sapeste quanto poco fa sorridere me) e vi va bene lo stesso: “è sempre un mio amico” “comunque io gli voglio bene”. Allora ditemi: quanto schifo deve fare una persona perché gli altri smettano di volergli bene? Mi correggo (sospetto che a parti inverse, il giudizio morale della comunità sarebbe stato un po’ diverso), quanto schifo deve fare un uomo perché gli altri smettano di volergli bene? Non conta niente il male che ha fatto a me e ai nostri figli (e che appena può continua a fare)? Non contano niente le torture psicologiche e le crudeltà gratuite?
Ve lo dico io? Non contano, se un uomo sa porsi, può fare schifo quanto vuole e continuerà a piacere a tutti. Però lasciate che ve lo dica: avete proprio dei gusti di merda, se io lo avessi incontrato negli ultimi 4 anni, manco il numero di telefono gli avrei dato.
“a me fa pena, mi dispiace per lui, poverino”.
A me no, cazzo! Dispiacetevi per noi, siamo noi le vittime, se non si fosse capito.
Non è poverino! E’ stato sfortunato da piccolo, molto sfortunato davvero e mi dispiace per lui, ma per quanto ha intenzione di farsi compatire? In seguito aveva avuto la botta di culo di incontrare me (che lo adoravo) e di generare un figlio meraviglioso, nella bilancia metteteci anche questo, no? Ha sputato sulla nostra famiglia, sulla nostra fortuna. Mi ha spinto in ogni modo verso un secondo figlio, a costo di rovinarmi la salute fisica e mentale (è bravissimo a manipolare le persone e io ve l’ho detto: mi sarei ammazzata per lui), durante la gravidanza mi ha offeso e torturato psicologicamente, alla fine Matilde è arrivata ed era stupenda, lui mi ha chiesto perdono e io gli ho creduto, la bambina non aveva ancora 4 mesi quando il padre dell’anno ha cominciato a far giochetti oltralpe! Mi ha candidamente confessato di aver progettato un viaggio in Francia al solo scopo di farsi una scopata perché il nostro era un matrimonio felice, ma gli mancava qualcosa (ma povero cucciolo) mentre il mio babbo crepava, ma che cazzo! Lo conosceva da 20 anni, lo aveva accolto come un figlio, mancava solo lui a salutarlo, solo lui. Il giorno del suo funerarle rideva. Un mese fa muore una povera ragazza, lui l’aveva intravista due volte nella vita, ma si autoconvince (e convince tutti) che sta soffrendo tantissimo per quanto la amava, scrive un post su facebook che pare sia morta sua madre. Tutti a mettere “like” così lui si sente così buono, così profondo… tra due mesi non si ricorda manco più chi era.
Ogni volta che ha ricevuto ascolto (che lui scambia sempre e comunque per approvazione) è venuto subito a raccontarlo a me. Ogni “like”, ogni battuta, ogni commento, ogni rapporto superficiale e perfino ogni appuntamento goliardico, tutto gli serve. Gli avevo chiesto “lasciami qualcuno, per favore”. Macché. Tante persone inizialmente sembravano scandalizzate poi, come dire, il tempo passa, le cose cambiano, le persone hanno la memoria corta… “Vedi? Tutti pian piano mi hanno capito, tutti mi vogliono bene. Solo tu non riesci a capire”. E io faccio finta di niente. Quest’estate è arrivato persino a dirmi: “Io amavo il tuo babbo e lui amava me, mi avrebbe certamente capito e approvato. Tu non lo conoscevi bene”. E io a quel punto non ce l’ho fatta, mi sono incazzata come una vipera (e purtroppo gli ho dato di nuovo soddisfazione).
Non è poverino, forse è malato (chi di noi non lo è?), ma soprattutto è crudele! E se davvero tutti questi comportamenti deviati si spiegano con la sua infanzia difficile, allora mi chiedo: c’era proprio bisogno di traumatizzare così i propri figli (i miei figli) e ricominciare tutto da capo? Cos’è? Gli sembrava che i suoi genitori avessero inaugurato un circolo troppo virtuoso per non interromperlo?
Voglio dirvi una cosa a cui so già che non crederete (non ci ho voluto credere neanche io quando era il momento), ma io ve la dico comunque, tanto non dormo stanotte, almeno rompo i coglioni al resto del mondo.
Ai suoi amici, ai suoi colleghi, ai suoi parenti: voi gli volete bene, voi siete sinceri e qualunque cosa faccia voi gliene vorrete sempre, voi lo scuserete, voi lo capirete, ma la verità è che lui no, lui non ve ne vuole.
Sì, lo so che non volete sentirvelo dire, che fa male e che è impossibile da credere perché lui è speciale, perché lui è pieno di talento, perchè lui è ironico, perché lui è intelligente, perché vi piace tanto, siete quasi innamorati di lui e pensate che ci sia qualcosa di esclusivo tra voi, un legame vero… mi dispiace, vi state sbagliando. Non è capace di amare nessun altro tranne se stesso (e secondo me, scava scava, neanche tanto se stesso). E’ una persona anaffettiva e superficiale, perfino lui non lo sa, non riuscirebbe ad accettarlo, per questo vive completamente distaccato dalla realtà, fa una cosa (di merda) e ne dice un’altra (da santone). Vi ha scelto e addomesticato come aveva fatto con me, si sente superiore a ciascuno di voi e da tutti sa di poter prendere qualcosa, gratificazioni. Voi tutti gli servite, ha bisogno di sudditi. Ha bisogno di sentirsi ammirato, seguito e approvato.
Non mi credete, lo so, le persone abusate non ottengono mai giustizia, è più facile pensare che siano le vittime ad avere qualcosa di sbagliato, che siano loro le colpevoli, che se la siano cercata… io sono gelosa, io non riesco ad accettare la realtà, io devo farmi aiutare, giusto?
Lasciatemi in pace, non mi interessa più di avere giustizia, voglio solo essere felice con i miei figli. Ho bisogno di uscire con persone nuove, come sto già facendo, persone che non lo conoscono, persone che sono solo mie, persone con cui parlare di cose belle.
Voi continuate pure a fare il suo gioco, continuate a volergli tutti bene, ma per lo meno abbiate la cortesia di smettere di volerne a me. Vi garba di stare alla corte del fumettista più bello del mondo? Volete partecipare ai suoi dialoghi adolescenziali tra celebrolesi in calore? Vi garba fargli i complimenti e gratificare il suo ego? Per me siete tutti un po’ complici, sappiatelo. Oppure: gli volete sinceramente bene, vi fa pena e cercate di salvarlo? Poveri ingenui…non ce la farete mai, non è possibile salvarlo da se stesso. Ma la sindrome della crocerossina è un morbo invincibile (ci sono passata pure io) e voi non potete fare a meno di provarci, vero? E allora prego, fate pure tutto quello che vi pare, però, per favore, almeno evitate di chiamare me, di incontrare me, di leggere me, di commentare me. Cari ex-amici comuni, se non lo avete ancora capito, ve lo dico per l’ultima volta: noi in comune non abbiamo più niente. E nonostante questo, dobbiamo per forza crescere ed educare due figli insieme.
Devo consegnarglieli col sorriso, questo sforzo sovrumano è tutto quello che sono in grado di fare, tutta la mia concentrazione sta lì, nel tentativo di fare la cosa giusta (o la meno sbagliata), non ce la faccio anche a dare a voi il lieto fine. Vi garberebbe tanto, ma rassegnatevi, non c’è verso, non ce la farò mai.
Lasciatemi in pace e dimenticatevi di me.

lalla

P.S. A proposito, per quelli che davvero gli vogliono bene (che a rigor di logica sarebbero dovuti essere quelli che volevano davvero bene anche a me e ai miei figli): non vi è mai capitato di pensare che la cosa più giusta da fare (per il suo bene e quello dei miei figli) forse non era dargli modo di spiegare ascoltando i suoi deliri (ve l’ho detto, per lui ascolto = approvazione), ma giudicare i fatti freddamente e tiragli un bel calcio nel culo? No? Magari se fosse rimasto lui un po’ più solo forse a quest’ora sarebbe tornato sulla terra, tra i comuni mortali e qualche domandina seria in più sul proprio operato se la sarebbe fatta. 

14 commenti:

  1. Sembra un romanzo, scritto bene, pieno, coinvolgente ed a volte spietato, sapere che è vita vera taglia come gli artigli di una tigre, scrive chi sta dalla tua e ti conosce così poco e solo di sfuggita!! Sappi che in questo mondo virtuale non sei sola, tante persone dalle tue parole possono tentare di affacciarsi sul baratro che descrivi. Forza Lalla sei una donna, mamma, artista meravigliosa, e come dice Levante "è difficile immaginare l'arte senza la sofferenza" la gioia è facile da esprimere, il dolore ha tante sfumature, è sfuggente, incomprensibile a chi non lo ha già provato. Ci credo che qualcuno ti sostenga, ma fa rabbia che riesca solo chi ci è già passato. Io non ho vissuto questo dramma ma davvero sappi che ti stimo tantissimo e faccio il tifo per te! Personalmente ho i sensori sociali tutti sballati ma non ho faticato ad apprezzare la simpatia e genialità di Elia, si legge nella luce degli occhi e nelle più semplici battute; ma sinceramente quel lui a me stonava un po' (ma chi ca.. sono io per dirlo! Vi ho visto tutti insieme solo quando Matilde era appena nata!) però ora ti posso dire che ho pensato che era un po' spento, sciapo, difficile da inquadrare e capire e che tu gli avessi fatto un favore ad amarlo, un'elargizione generosa e cercavo di capire cosa una superdonna come te (un po' "dea" come la Laura del quadro che hai dipinto te, che è proprio una figata) trovasse in un tipo un po' svampito, era carino con Elia ed ho pensato che forse era un padre che giocava a fare il gggiovane e forse quello era un aspetto bellino... Mah! Poi ti comincio a leggere per i quadri bellissimi che postavi (e non solo quadri, il bustino della sposa è da brividi) e scopro che le cose erano per te alla rovescia, lui l'uomo che non deve chiedere mai... Sigh.
    Da qui sembra facile che tu possa guardare al di là delle meschinità di quel bipede e vedere anche tu quella dea forte e salda tipo Laura (che bel ritratto davvero) che sei e che un po' di te sa di valere. Fai anche tu quel gesto quello sguardo un po' alla Laura e liquefai mentalmente quell'ego di ghiaccio che ti si para davanti ogni tanto. Sì, a volte vorrei leggere che non te ne frega più nulla, vorrei leggere questo perché suonerebbe la fanfara della mia marcia femminista interiore. Ma chi ama come ami tu, con ogni cellula è spaventoso rinnegare quella energia fluita e donata. Sennò da dove uscirebbe tutta quell'arte? A leggerti mi viene sempre in mente Frida. Cosa ha sopportato in nome dell'amore per un uomo talentuoso ma 'na merda secca, proprio, come marito. Scusa il francesismo. Quando ho visto il film sulla vita di Frida pensavo a quanti milioni di volte lo avrei mandato a quel paese magari distruggendogli casa... Ed invece no.. eh vabbè non si può aver tutto. O si vive tutto appieno e si fa vincere l'istinto di conservazione, non credo si possa dosare a passione per la vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paola mi scrivi proprio delle bellissime parole, grazie. E, ti devo dire, mi garba proprio di pensare che tu l'abbia considerato un po' sciapo! Ma che bellezza! Sai che ferita al suo ego se lo sapesse!!!
      A me non è mai sembrato perfetto e neanche questo strafigo così stratosferico rispetto a me (ero proprio bellina da ragazza), ma lo amavo molto (prima), mi sembrava geniale, talentuoso, ironico, speciale e, soprattutto, mio.
      Comunque, una cosa che proprio non ho mai sopportato è che lui non si rendesse conto abbastanza della fortuna che aveva a stare con me. Sentivo che un po' mi sottovalutava e sottovalutava il nostro sentimento e mi dipiaceva molto. Era solo una piccola sensazione spiacevole, ma ogni tanto la sentivo (anche durante i primi anni, quando tutto andava alla grande)... allora cercavo di ricacciarla dicendomi "è un atteggiamneto, sta solo scherzando, lo sa quanto vali, ci tiene davvero a te"... e invece no, era una sensazione giusta.
      E vabbè, io però sono una persona molto dignitosa e, anche fiera, lo sono sempre stata. Si è sbagliato molto con me, ha scambiato la mia dolcezza per debolezza, credeva di avermi sottomesso, invece io avevo scelto di rimanergli accanto (anche negli ultimi 2 terribili anni) non perchè ero sottomessa, ma sinceramnete innamorata e convinta che lo fosse anche lui.
      Una volta caduta la maschera è finita ogni possibilità di appello, non è una persona che mi piace più, non solo è sciapo, direi che è proprio banale e squallido.
      Tutti mi dicono "guarda al futuro e dimentica il passato", io preferisco guardare al presente e ricordare il passato. Infondo non ho rimorsi, non ho fatto niente di cui vergognarmi, posso vivere e aggirarmi sulla terra a testa alta e sentirmi un po' più libera, infondo me lo sono meritato!
      Grazie ancora per le tue parole e per il tuo tempo. Grazie davvero

      Elimina
    2. Paola, un'altra cosa... io una Dea? Io sono una persona piena di stranezze e mancanze... vado bene come andiamo bene tutte, sono bella come siamo bene tutte. Se lo sono io, sei una Dea anche tu!

      Elimina
    3. Mmmm sarà ma le donne della famiglia Gonnelli sono donne veramente affascinanti! Secondo me avete una marcia in più! Anche io sono piena di stranezze e mancanze... Ma mi manca completamente la parte fascinosa che tutte le volte mi incanta! Davvero non è un complimento o una cosa inventata! Siete tante, brave (ognuna con la sua passione), belle ed affascinanti! Un bacio! Spero di rivedervi presto! È un pezzo che non sento nemmeno Elena (sto ristrutturando casa nuova e sono proprio sparita...) magari la chiamo! Un abbraccio!

      Elimina
    4. Come sei gentile! Siamo femmine un po' ingombranti, ma certamente pimpanti. Chiama Elena, la fai certamente contenta. Un bacio grande

      Elimina
  2. Io Ilaria ho passato e sto vivendonoa stessa cosa. Solo, non ci sono figli. Non c'è stato un matrimonio. Non sono passati 20 anni ma 4. Però la manipolazione e l'abuso sono gli stessi. E ancora non riesco a guarirmi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giovanna, mi dispiace molto.
      Da una parte io ho i miei figli meravigliosi che mi spingono ad andare avanti ma che, allo stesso tempo e con la stessa forza, mi trattengono indietro, insieme a lui.
      Tante volte mi sono chiesta come sarebbe stata questa separazione senza di loro. Forse ancora più straziante perchè davvero avrebbe lasciato il vuoto... però certamente più definitiva. Tu, che davvero puoi, forse col tempo potrai metterci una pietra sopra, trovare il modo di sentirti fortunata perchè finalmente libera (io mi ci sento!). Questi uomini sono stati degli oppressori, non dei compagni.
      Io credo che sia inutilmente stancante impegnarsi nel cercare di cambiare situazioni che non possiamo cambiare, ma possiamo sederci tranquille e pensare: "da questa situazione di merda non se ne esce, ok, ma c'è qualcosa che io potrei fare per migliorarla anche solo un pochino?" Se mi viene in mente una risposta, allora faccio quello... cerco tutti i lati positivi della questione, mi prendo i miei tempi, conosco altre persone, esploro, vivo... più di questo, più di aprirsi alla vita, io credo che non possiamo fare. Mi sembra che anche tu lo stia già facendo e ti auguro questo (non voglio darti una ricetta, che ognuna di noi trovi la sua strada, con i suoi modi e i suoi tempi), io cerco di farlo, nel tempo che ho a disposizione senza di lui e che non sarà mai abbastanza.
      Un'altra cosa, sono stati delle sanguisughe: se hanno scelto noi è perchè ci ammiravano: avevamo tanto da dare, siamo belle, piene di talento, profonde... hanno succhiato, hanno preso... poi hanno iniziato a invidiarci, ci hanno visto come una minaccia e per questo hanno tentato di sottometterci, perchè infondo lo hanno sempre saputo di essere peggiori di noi... ma niente, alla fine hanno fallito: siamo libere, siamo delle sopravvissute.
      Avanti e fiere!
      Un abbraccio!

      Elimina
  3. Io Ilaria ho passato e sto vivendonoa stessa cosa. Solo, non ci sono figli. Non c'è stato un matrimonio. Non sono passati 20 anni ma 4. Però la manipolazione e l'abuso sono gli stessi. E ancora non riesco a guarirmi

    RispondiElimina
  4. Ciao Lalla. Ti leggo e mi leggo.......è davvero facile rivedersi nei tuoi sfoghi. Ed è purtroppo verissimo che solo fra vittime ci si può capire! Io cerco di non pensare mai alla persona che ha tentato di rovinarmi la vita perchè anche ora, dopo tanti anni, l'unica cosa che avrei voglia di fare è sputargli in faccia, perchè, come gli dissi una volta, "agli altri puoi raccontare quello che vuoi e far credere un sacco di belle cose, ma quando mi guardi in faccia, te ed io sappiamo quale sia la verità"!
    Ti auguro tante nuove stupende persone da incontrare e far entrare nella tua vita.....un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara sorella grande, grazie. Sapere di provare sensazioni comuni fa sentire meno sole (anche se la tua storia è stata assai peggiore della mia e tu ancora più forte a venirne fuori). Io forse sono una sciocca e mi sto sbagliando, ma credo e spero che condividere abbia un senso, che parlarne e scriverne a qualcosa serva... non è vero che "i panni sporchi vanno lavati in casa" e basta con questa storia! Stendiamoli al sole invece e aiutiamo tante donne a sentirsi un po' meno abbandonate e sole e forse anche ad aprire gli occhi. Grazie

      Elimina
  5. anche io ho le ossa tutte rotte, come si fa? dove si sbatte la testa? e be, ci si fa, in qualche modo...un bacio Serena I.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ossa rotte sì, ma anche rimarginate.
      Si va avnti a testa alta, fiere di essere sopravvissute.
      Però, cercavo di dire che io so come stanno le cose, ma che non solo lui ma tante persone di contorno mi hanno fatto soffrire e continuano a farmi soffrire non prendendo una posizione. Insomma, il senso di ingiustizia e dilagante superficialità è un'ulteriore rottura di scatole.

      Elimina
  6. Io alla superficialità non ci faccio più nemmeno caso, specie in certi ambienti intellettualoidi (di sto cazzo direbbe la mia amica Lalla). Promettimi che starai bene e starò bene anch'io

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io prometto di provarci, come faccio sempre (e di solito funziona). Il messaggio però è anonimo amica mia, dimmi chi sei e grazie!

      Elimina